Rotte migratorie: Africa subsahariana, tutte le strade portano in Niger

Le rotte migratorie provenienti da tutta l’Africa sud occidentale che convergono verso la Libia e l’Europa passano per il Niger, un Paese del Sahel fra migrazioni e fondamentalismo. Un report della ONG XChange Foundation.

PRIMO PIANO SOCIALE /
Rotte migratorie Niger
sand dunes @pixabay by Free-Photos - CC0 Public Domain
Scritto da / 22 Ottobre 2019

Uno stato arido e senza sbocco sul mare nell’Africa occidentale, il Niger ha una superficie di 1.267.000 km e confina con Libia, Algeria, Nigeria, Benin, Burkina Faso, Mali e Ciad. A causa della sua posizione, il Niger è stato per molto tempo un crocevia per la migrazione trans-sahariana attraverso rotte carovaniere che collegavano il Mediterraneo e l’Africa.

La regione di Agadez, “dove il Sahara abbraccia il Sahel”, rappresenta il 52% del totale del territorio del Niger . La città di Agadez per secoli è stato un importante centro per il commercio e per la migrazione umana tra Occidente e Nord Africa. Negli ultimi anni, ha agito come una posizione strategica all’interno del corridoio della migrazione irregolare trans-sahariana, dove diverse rotte migratorie provenienti da tutta l’Africa occidentale convergono verso la Libia e l’Europa.

Non tutti i migranti puntano all’Europa

Nonostante quello che si crede comunemente, non tutti i migranti in partenza dall’Africa subsahariana intendono attraversare il Mediterraneo; per molti le destinazioni previste sono Paesi nell’Africa occidentale o settentrionale. La ricerca mostra che anche tra coloro che si spostano verso nord verso i paesi come la Libia o l’Algeria, relativamente pochi aspirano ad attraversare il Mediterraneo verso l’Europa: l ‘ 84% dei flussi migratori si verificano all’interno della regione.
Storicamente, le rotte migratorie verso nord attraverso l’Africa occidentale sono state utilizzate sia per il trasporto di persone sia per il commercio; spesso i veicoli che viaggiano in Libia per raccogliere merci trasportano i migranti verso nord, a pagamento, per coprire i costi del viaggio. A partire dagli anni ’90, tuttavia, questi modelli sono stati interrotti dall’instabilità e dai conflitti nella regione.

Gli stati dell’ECOWAS (la Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale di cui fa parte il Niger) sono stati storicamente luogo di transito, ricezione e invio, con conseguente flusso migratorio regolare e normale tra questi stati.
Negli ultimi anni, tre quarti di tutti i migranti africani che arrivano in barca in Italia hanno transitato in Niger, con flussi che sono aumentati in modo significativo a partire dall’anno 2000. Stime prudenti suggeriscono che da allora, 100.000 migranti hanno attraversato il paese ogni anno. Un grande aumento dei flussi migratori si è verificato dopo la caduta del dittatore libico Muammar Gheddafi nel 2011, quando l’industria del contrabbando in Libia si è professionalizzata ed è diventata più dinamica e spietata, sempre più approfittando dei vulnerabili migranti irregolari. La rottura dello stato libico, combinata con una maggiore militarizzazione nel paese, ha segnato la svolta per il mercato del contrabbando di uomini. Le crisi ambientali (vedi siccità), i problemi socio-economici, alti livelli di instabilità politica in Libia e in altri Paesi della regione hanno alimentato l’aumento della migrazione che scorre verso nord. Così centinaia di migliaia di migranti sono passati da Agadez.
Gli ultimi dati ufficiali ci dicono che nel 2017 circa 330.000 migranti hanno attraversato il Paese.

Dai turisti ai “ passeur” legalizzati

La regione di Agadez era precedentemente una destinazione popolare per i turisti occidentali con opportunità di reddito che sono state cruciali durante le stagioni di cattive rese agricole.
Le principali attrazione erano la Grande moschea con l’alto minareto in argilla rossa, le vicine montagne Aïr e, fino al 2007, il Rally Parigi-Dakar che ha portato molti visitatori. Molti abitanti di Agadez hanno approfittato del turismo, industria, che ha generato una domanda di ospitalità, cibo, trasporti e guide turistiche.
Tuttavia, l’industria del turismo è entrata in crisi per le ribellioni tuareg (fra il 1990 e il 1995 e nel 2007) e i rapimenti di lavoratori stranieri nel paese.

Così i locali più intraprendenti, con precedenti esperienze nel settore del turismo e dell’accompagnamento nell’aspro deserto circostante, hanno assunto il ruolo di passeur (contrabbandieri) i cui mezzi di sostentamento dipendevano dal fatto di trasportare in gran parte migranti dell’Africa occidentale in Libia. Questo tipo di migrazione di transito è stato percepito dallo stesso governo locale di Agadez come un mezzo di sostentamento alternativo alla diminuita industria del turismo. Gli ex combattenti dell’ex resistenza armata sono stati forniti, come parte di un programma di integrazione socioeconomica, dei “papiers de courtage”, documenti che danno loro il permesso legale di trasportare le persone in Algeria. Aiutati da infrastrutture preesistenti per il turismo e dalla disponibilità di veicoli in eccedenza, l’industria ha prosperato. SI sono sviluppati anche servizi in settori secondari, tra cui cibo, alloggio, servizi di trasferimento di denaro e cliniche, per sostenere questa industria in rapida crescita. Il governo lucrava un’importante partecipazione finanziaria sotto forma di tassa di soggiorno, Così, un’economia basata sulla migrazione è rapidamente emersa per riempire il vuoto lasciato dal turismo, anche se in modo limitato e transitorio: la maggior parte dei migranti ha soggiornato solo per brevi periodi ad Agadez, rendendo l’economia vulnerabile alle politiche esterne, ma è difficile trovare alternative economiche sostenibili.

I 92 morti : la chiusura del governo

Mentre la “crisi dei rifugiati” ha cominciato a dominare i media europei, la regione del Sahel, e in particolare il Niger, ha iniziato ad attirare l’attenzione dei responsabili politici europei. Le migrazioni sono sempre più viste come una minaccia per la sicurezza europea, ma anche un costo eccessivo. Così sono aumentate le operazioni militari strategiche in tutti gli stati del Sahel e, in assenza di un quadro legale per facilitare la migrazione legale, sono state introdotte leggi per affrontare la migrazione irregolare in Europa. Nel 2015, spinto dalla scoperta ampiamente pubblicizzata di 92 corpi (in gran parte donne e bambini) trovati morti nel deserto algerino dopo essere stati abbandonati dai contrabbandieri, il governo nigerino ha varato una legge che criminalizza il traffico e il contrabbando di esseri umani. La legge ha reso effettivamente illegale per i cittadini non nigerini viaggiare a nord di Agadez e ha fatto diventare il Niger il confine meridionale dell’Europa.

La nuova legge controlla almeno in modo superficiale i flussi e le rotte migratorie verso il Nord Africa e l’Europa; il numero di i migranti che attraversano Agadez in Libia e in Algeria sono diminuiti in modo sostanziale dal 2016. Nel 2017 è diventato impossibile contare il numero di ghetti di accoglienza in Agadez. Quelli che continuano a lavorare nel settore del contrabbando per il trasporto dei migranti verso nord sono ora costretti a un’economia sommersa, con diverse tattiche di mascheramento per evitare di essere rilevati. Vedette sono collocate tatticamente nel deserto per avvisare i conducenti della presenza di pattuglie militari, tangenti vengono pagate ai posti di blocco per appianare la strada. Tali tattiche minimizzano le probabilità di essere fermati da parte delle autorità, ma comportano gravi rischi per la vita dei migranti.
Come questo studio dimostra nel capitolo analisi, anche se il numero di migranti che fanno il i viaggi verso nord sono diminuiti, la migrazione non si è arrestata.

Che cosa spinge la gente a spostarsi

Per capire perché il Niger è ancora un importante paese di transito, dobbiamo capire prima cosa spinge persone a spostarsi.
Sia i rappresentanti delle ONG internazionali che quelli locali hanno parlato di fattori che spingono gli africani occidentali in transito in Niger. Un coordinatore del programma per una ONG nigeriana ha distinto due tipi di migrazione: quella “buona” e quella “cattiva”. La “buona” migrazione è quella dei giovani esperti che ‘Hanno il diritto di fare i loro documenti, di essere in regola, e possono andare ovunque nel mondo‘.
Ma per molti la migrazione è l’ultima risorsa, un mezzo di sopravvivenza e una via di fuga dalle sofferenze giornaliere, dalla frustrazione e disperazione per la mancanza di opportunità nelle loro comunità d’origine.

“Preferisco morire piuttosto che rimanere così”

La gente preferisce partire: ce ne andiamo, siamo frustrati, non abbiamo niente da fare qui, qualunque cosa ci costerà, noi andiamo. E questa è la cattiva immigrazione. Sfortunatamente, Agadez è diventato un corridoio per andare in Libia, in Spagna, ecc. Con tutti i rischi che comporta. A loro non importa. Devono andare.” Dice questo un coordinatore di un programma di una ONG nigeriana.
Per alcune persone, è una questione di sopravvivenza”. Quindi ci sono persone che si dicono: “Visto la sofferenza in cui sono, preferisco morire piuttosto che rimanere così. Qualunque cosa succederà, preferisco provare a cercare fortuna.

In particolare, i migranti dal Sudan che ora vivono ad Agadez hanno confermato agli autori del report di XChange Foundation queste dichiarazioni. Durante discussioni informali; hanno descritto una situazione disperata, senza futuro per loro qui, ad Agadez, dove stanno iniziando a perdere la speranza.

Un Paese in crisi

La regione deve affrontare una miriade di gravi preoccupazioni: una popolazione in rapido aumento, declino economico, così come le sfide climatiche e agricole che rappresentano una minaccia per coloro che vivono semplicemente di una agricoltura di sussistenza.
Anche alcuni nigerini – la maggior parte dei quali viene da Zinder, chiamata anche Damagaram, la seconda città del Niger nel sud del paese – hanno preso la decisione di partire per cercare un futuro migliore, principalmente in Algeria, a causa del peggioramento della situazione economica del Niger e delle cattive prospettive agricole.
Sto pensando di diventare un rifugiato ora in Algeria. Ho intenzione di andare in Europa da solo. Voglio lasciare Agadez. Anche andare in Algeria. Questo è ciò che intendo fare. Perché sono deluso, qui non c’è niente da fare”, ha detto a Xchange un ex-Passeur.

Il valore dell’industria della migrazione  

L’industria della migrazione / contrabbando ha portato notevoli entrate economiche alla regione, in particolare dopo il declino nel settore del turismo. Pertanto, dopo l’introduzione della legge 2015-036, la perdita economica per la regione è stata significativa. “La migrazione ad Agadez è un’attività economica molto importante; ha generato un sacco di soldi per la popolazione. Abbiamo fatto alcune statistiche. Abbiamo calcolato ciò che è stato ricevuto negli ultimi 11 mesi da coloro che hanno ghetti, veicoli, guide, corrieri, persone che hanno i taxis motocicli, donne che hanno piccoli ristoranti, persone che hanno spacci di vestiti, piccoli negozi … anche le banche. Sono circa 95 miliardi di franchi CFA negli 11 mesi. Quindi oggi, da quando c’è la legge, c’è stata una carenza … i 95 miliardi sono scomparsi.” Ha dichiarato  Mohamed Anacko, presidente del consiglio regionale di Agadez.

Anacko ricorda come il governo del Niger abbia adottato nel 2016 -su pressione della Ue- la nuova legge che rende illegale il trasporto dei migranti verso la Libia. “Noi accettiamo questa legge, perché vogliamo evitare che le persone muoiano nel deserto, ma serve un’alternativa per i nostri giovani.
L’applicazione della legge 2015-036 ha inevitabilmente avuto conseguenze di vasta portata per la locale economia che era intimamente legata all’industria libera e sponsorizzata dallo stato del trasporto di migranti. Un certo numero di coloro che hanno rinunciato al loro lavoro nel settore a seguito dell’attuazione della legge, sono ora destinatari registrati di sostegno da parte della UE per mezzi di sussistenza alternativi. Gli ex contrabbandieri devono registrarsi presso il governo nigeriano e presentare una nuova impresa proposta con costi di avviamento.
Tuttavia, molti di coloro che si sono registrati come parte del programma, devono ancora ricevere assistenza. Naturalmente, i progressi lenti e le limitate industrie disponibili stanno diventando un punto di contesa ad tra i giovani senza lavoro, in particolare quelli che sono abituati al redditizio settore del contrabbando.

Il Niger, e in particolare Agadez, luoghi di “contenimento”

Agadez è diventata un temporaneo, e in alcuni casi involontario, luogo di residenza a lungo termine per diverse comunità di migranti e rifugiati. Fra questi i migranti dall’Africa occidentale e centrale che non sono più in grado di proseguire verso le rotte migratorie a nord fino al Maghreb; popolazioni migratorie che viaggiano in Niger per motivi economici; migranti e rifugiati deportati con la forza in Niger dai militari algerini, vari richiedenti asilo e rifugiati che sono attualmente alloggiati ad Agadez. Oltre a questo, c’è la presenza di migranti dell’Africa orientale che viaggiano sempre più in Ciad e in Niger per evitare i pericoli di transito nella Libia meridionale e migranti che tornano in Niger dalla Libia a causa di tentativi falliti di attraversare l’Europa, o a causa degli abusi subiti in quel paese da parte di trafficanti e autorità.

Soldati stranieri in Niger

Il Niger è oggi è uno dei Paesi più militarizzati dell’Africa sub sahariana. Nel Paese sono presenti forze armate di diversi Paesi, in primis francesi, che hanno una base aerea a Niamey, e poi statunitensi, della Germania, del Canada e dell’Italia.
Cosa fanno in Niger tutte queste forze armate e quali obiettivi hanno?
La presenza militare straniera in Niger viene generalmente motivata in tre modi: lottare contro il terrorismo, prevenire le migrazioni degli africani in Europa e proteggere gli investimenti stranieri.

Il terrorismo nel Sahel

Nella regione del Sahel, che comprende anche il Niger, sono attivi alcuni gruppi estremisti islamici e per questo l’area è considerata la “nuova frontiera” delle operazioni della lotta globale al terrorismo. Oltre al Niger, gli Stati Uniti hanno una presenza militare in Mauritania, in Senegal, in Mali, in Burkina Faso, in Nigeria e in Ciad. Nel Sahel operano inoltre forze armate dell’Unione europea, di Israele, della Colombia e del Giappone.

Storicamente il Niger è sempre stato la porta d’accesso al Nordafrica per chi proviene dell’Africa subsahariana e negli ultimi anni è diventato uno dei più importanti paesi di transito dei migranti verso l’Europa. Per questo Paesi come l’Italia hanno inviato una missione militare, con l’obiettivo di fermare i migranti. Ma ci sono anche motivazioni economiche: l’Africa è considerata uno dei mercati dalle potenzialità maggiori, e questa può essere un’ulteriore motivazione per la presenza militare straniera sempre in Niger e, più in generale, nella regione. Il governo di Niamey ha accolto favorevolmente le truppe straniere. Con l’aiuto statunitense, il presidente del Niger Issoufou pensa di poter mantenere la promessa fatta in campagna elettorale di “sconfiggere i militanti estremisti islamici”. Ma è anche felice di sostenere gli interessi di Washington nella regione finché gli Stati Uniti saranno disposti a sostenere il suo governo e ad addestrare le sue forze armate.

P. G.

Per saperne di più: il report completo su http://xchange.org

CHIUDI

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.
Informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi