Fondo povertà educativa

16 i progetti in Piemonte,  avviati con  circa 10 milioni di finanziamenti delle Fondazioni di origine bancaria , promossi dal Fondo Nazionale per il contrasto alla povertà educativa.

SOCIALE /
Fondo povertà educativa
Photo by Jenn Evelyn-Ann on Unsplash
Scritto da / 1 Marzo 2019

Sono dedicati alla prima infanzia e alla adolescenza e hanno coinvolto circa 60 mila bambini e ragazzi . “Troppo  spesso si sottovaluta la gravità del fenomeno dell’abbandono scolastico”, ha detto nel presentare  i progetti Giovanni Quaglia, Presidente dell’Ass. delle Fondazioni di origine bancaria piemontesi e Presidente della Fondazione CRT che ha ricordato quanto diceva San Giovanni Bosco “dalla buona o cattiva educazione della gioventù dipende la buona o cattiva società”.

Combattere la dispersione scolastica”, ha aggiunto Quaglia, “è la base per combattere altre povertà  e garantire l’eguaglianza delle  opportunità fra i cittadini di cui parla la Costituzione. L’ascensore sociale”, ha aggiunto,  “che ha funzionato così bene fra le classi fino agli anni ’70 si è poi fermato e occorre farlo ripartire”.

I progetti hanno coinvolto 157 comuni piemontesi in 6 province. Tre i bandi di  riferimento: il Bando prima infanzia ( 0-6 anni) ha permesso di avviare 8 progetti su 16 che puntano a potenziare l’offerta di servizi di cura  ed educazione dei bimbi con particolare attenzione a quelli appartenente a  famiglie in difficoltà. Il Bando adolescenza ( 11-17 anni)  è volto a contrastare , con azioni dentro  fuori la scuola, fenomeni quali la dispersione e l’abbandono scolastico, il bullismo, nonché situazioni di svantaggio e rischio devianza. Il più recente Bando Nuove generazioni (5-14 anni )intende promuovere e sviluppare competenze personali, relazionali e cognitive dei ragazzi. Mediamente ciascuno dei progetti piemontesi ha ricevuto circa 600 mila Euro per una durata di tre anni. I progetti sostenuti dal Fondo prevedono il concorso congiunto di un sistema variegato di attori ,fra cui scuole, enti del Terzo settore, famiglie, istituzioni scolastiche e altri nell’intento di costruire  o rafforzare le cosiddette “comunità educanti”  per contribuire a costruire percorsi educativi adeguati per bambini e ragazzi.

Fra i progetti si possono citare  quello “Explora: spazi e tempi per crescere”, per la realizzazione di attività culturali e sportive anche per disabili e l’attivazione  di un servizio educativo domiciliare per minori in situazioni di vulnerabilità. Il progetto intende anche sostenere i genitori. C’è poi il progetto “Community school: per una connessione generativa” che prevede attività di educazione non formale con laboratori di  robotica, sport , teatro, musica  e percorsi museali. Un altro “Io sto bene qui in montagna”  vuole aumentare i servizi educativi e quindi i bambini che li frequentano nella  fascia di  età 0-3 anni nei comuni della Val Pellice , dando priorità alle fasce deboli.

Il Fondo Nazionale di contrasto alla povertà educativa è nato nel 2016 da un accordi fra le Fondazione di origine bancaria, rappresentate dall’Acri, il Forum del Terzo settore e il governo, gestito dall’impresa sociale Con i bambini. L’obiettivo è appunto quello di rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale, culturale che provocano l’abbandono scolastico o la impossibilità per dei minori di accedere a processi educativi.

Redazione

CHIUDI

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.
Informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi