Comunicare con Twitter in tempi di coronavirus

Twitter fornisce consigli ai brand su come comunicare in questo clima di coronavirus

ATTUALITÀ 2 TECNOLOGIA /
Comunicare con Twitter ai tempi di coronavirus
Photo by Sara Kurfeß on Unsplash
Scritto da / 26 Marzo 2020

Slack, Google, JetBlue e altri hanno fornito esempi su come gli esperti di Marketing dovrebbero dialogare con i propri clienti, e Twitter ha lanciato un chiaro avvertimento per i brand in questi “tempi di coronavirus: Questa non è un’opportunità di marketing.
Giorni or sono Twitter ha pubblicato un post sul suo blog in cui sono indicati i potenziali pericoli per i brand che cercano di comunicare online mentre il mondo deve affrontare una pandemia di COVID-19. Twitter non ha suggerito ai brand di evitare di discutere sul coronavirus, cosa che sarebbe quasi impossibile, ma ha avvertito che devono essere attenti al messaggio.

“Cerchiamo di essere chiari“, hanno detto Alex Josephson, amministratore di Twitter Next, e Eimear Lambe, direttore di Twitter Next, nel post del blog. “Non si tratta di una “opportunità di marketing ” per capitalizzare, e non raccomandiamo ai brand di collegarsi opportunisticamente a una paura per la salute delle persone“.

I brand sono alla ricerca di tutte le indicazioni che possono ottenere su come rispondere e se e come legarsi a questa esplosione di informazioni sul tema. Twitter ha affermato che qualcuno twitta a proposito del coronavirus ogni 45 millisecondi. “Quello che stiamo affrontando è senza precedenti”, hanno detto Josephson e Lambe. “Questo è globale, questo è a tempo indeterminato e questo potrebbe influenzare ogni brand, ogni azienda e ogni individuo. In tempi di crisi, le persone si rivolgono a leader e istituzioni per assistenza, rassicurazione e informazioni. E guardano sempre più anche ai brand.”

Molti inserzionisti hanno modificato i loro messaggi durante l’epidemia di COVID-19. Hershey ha dovuto ritirare gli annunci che mostrassero persone che si abbracciavano e si toccavano, perché era considerato potenzialmente insensibile promuovere contatti stretti mentre la maggior parte delle persone praticava il “distanziamento sociale”. Coors Light ha staccato la spina di una campagna per March Madness (le pazzie di Marzo) con lo slogan: “Birra ufficiale del lavoro da remoto.” Anche questo avrebbe potuto suonare come inadatto mentre più persone lavorano a casa, non per guardare partite di calcio in TV, ma per evitare il contagio seguendo consigli e disposizioni di legge.

L’umore della popolazione è cambiato poiché più Paesi hanno dovuto dichiarare l’emergenza mentre emergono nuovi casi di coronavirus. La malattia è considerata più pericolosa della maggior parte dei ceppi di influenza comuni e funzionari e aziende stanno adottando misure straordinarie per aiutare a rallentarne la diffusione.

Tutte le piattaforme digitali hanno affrontato l’ondata di conversazioni (e di conseguente disinformazione) sul coronavirus e hanno preso provvedimenti per promuovere voci autorevoli. Mercoledì, l’amministratore delegato di YouTube Susan Wojcicki ha dichiarato che l’azienda sta donando spazi pubblicitari alle agenzie sanitarie ufficiali per promuovere informazioni utili: “Stiamo usando la nostra homepage per indirizzare gli utenti all’Organizzazione Mondiale della Sanità, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie“, ha dichiarato Wojcicki , “E ad altre organizzazioni autorevoli locali in tutto il mondo per garantire che gli utenti possano trovare facilmente aggiornamenti in merito al covid-19. Stiamo anche donando spazi pubblicitari a governi e ONG nelle regioni colpite, che lo utilizzano per mettere in evidenza informazioni utili e tempestive“.

In molti casi, anche i brand devono farsi avanti come voci responsabili. Le aziende nel settore turistico, ad esempio, devono aggiornare i consumatori sullo stato dei voli, delle crociere e degli hotel. I rivenditori devono informare il pubblico sulla disponibilità e le possibilità di acquisto di prodotti ad alta richiesta. I brand di articoli per la pulizia della casa devono comunicare l’efficacia dei loro prodotti in una crisi sanitaria.

I dirigenti di Twitter hanno condiviso esempi di brand con tweet appropriati durante la crisi. Gli esempi includevano tweet di Google e Slack riguardanti il ​​lavoro da casa. Gli studi dietro il nuovo film di James Bond “No Time to Die” hanno twittato sul ritardo della sua uscita. Compagnie aeree come British Airways, JetBlue e Southwest Airlines hanno twittato sulla flessibilità delle prenotazioni di volo per i viaggiatori in difficoltà.

Non si tratta di guardare a ciò che gli altri stanno facendo e copiare da loro”, hanno detto Josephson e Lambe. “Si tratta di capire il ruolo unico che il tuo brand svolge nella vita delle persone, come è cambiato e come il tuo brand può aiutare o essere utile durante questa crisi. Si tratta anche di cercare opportunità per dare l’esempio e fare la cosa giusta, dove ha senso per la tua azienda.”

E. P.

CHIUDI

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.
Informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi