Stress e lavoro: quanto è difficile lasciare un posto di lavoro dannoso?

Il modo in cui stiamo lavorando non funziona. Cosa possiamo fare al riguardo?

CULTURA PRIMO PIANO SOCIALE /
Stress da lavoro
Scritto da / 4 Ottobre 2019

Un nuovo libro e un podcast esplorano come abbiamo iniziato a mettere il lavoro prima delle nostre vite e cosa possiamo fare per cambiare questa situazione. Essere un impiegato, un “colletto bianco” in molti Paesi significa sentirsi sopraffatti. Comunicazioni e-mail, pesanti carichi di lavoro, scadenze da rispettare e l’oppressione costante delle aspettative aziendali di ottenere di più da noi.

Sarebbe bello scoprire alla fine della giornata che siamo effettivamente riusciti a produrre di più, ma dagli anni ’90 in poi la produttività dei lavoratori in tutto il mondo ha stubito una stagnazione o è diminuita .

E se stiamo lavorando in questo modo senza una buona ragione? Che cosa succede se siamo meno produttivi, meno creativi, meno efficienti e peggioriamo la nostra salute e il nostro benessere nel processo? Questa è la premessa di due nuovi e concreti esami su come il nostro modo di lavorare non funziona più: il professor Jeffrey Pfeffer, docente di comportamento organizzativo presso la Stanford University ha scritto Dying for a Paycheck: How Modern Management Harms Employee Health and Company Performance—and What We Can Do About It (Morire per uno stipendio: come la moderna gestione del lavoro danneggia la salute dei dipendenti e le performance dell’azienda – e cosa possiamo fare al riguardo) per la casa editrice Harper Business. La giornalista Brigid Schulte propone il “Better Life Lab“, un podcast presentato da Slate e dalla New America Foundation, un think tank non partigiano in cui Schulte è direttrice e fondatrice di The Good Life Initiative.

Nel mondo di oggi, i lavori per i colletti bianchi sono spesso stressanti e non salutari come quelli del lavoro manuale o dei colletti blu, spesso anche di più”, scrive Pfeffer nell’introduzione del suo libro. Tuttavia, queste sollecitazioni sono “apparentemente invisibili e accettate come parte inevitabile dei luoghi di lavoro contemporanei“. Secondo Schulte: “La nostra cultura non è allineata con il vivere e il lavorare bene, le nostre politiche non sono allineate con il vivere e il lavorare bene, e le nostre culture sul posto di lavoro sono antitetiche al vivere e lavorare bene“.

Non doveva essere così. Alla fine del diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo, i lavoratori e persino alcune aziende, come Kellogg, spingevano per ridurre le ore di lavoro, come Benjamin Hunnicutt (storico degli studi sul tempo libero presso la Iowa University), racconta nel suo libro del 2013, Free Time: The Forgotten American Dream. L’economista John Maynard Keynes aveva predetto che in futuro la crescita economica e la tecnologia avrebbero fornito una sicurezza materiale di base sufficiente a fare si che la settimana lavorativa scendesse a 15 ore. All’epoca si credeva che le persone avrebbero dovuto trascorrere del tempo al di fuori del lavoro e di altri obblighi della vita per perseguire la crescita sociale, spirituale e intellettuale, ciò che Walt Whitman chiamava “progresso superiore”.

Le nostre culture sul posto di lavoro sono antitetiche per vivere e lavorare bene“.

Quell’idea sembra praticamente svanita. Oggi, negli USA e in Italia si lavora in media più ore rispetto alla maggior parte delle altre economie avanzate e si ha una qualità della vita inferiore in misure come il numero di giorni di ferie, la qualità dell’assistenza sanitaria e la sicurezza della pensione. Studio dopo studio molti ricercatori hanno rilevato che i dipendenti sono sempre più oberati di lavoro, stressati, insoddisfatti e non coinvolti.

Stress da lavoro: Il risultato dello stress sul posto di lavoro

Lo stile di lavoro di molti Paesi occidentali, mentre è estenuante, non è considerato abbastanza serio da preoccupare i politici e i dirigenti aziendali.

Pfeffer pensa che dovrebbe esserlo. Sostiene che il modo in cui lavoriamo ha creato una grave crisi di salute pubblica. Lo stress sul posto di lavoro – a causa di licenziamenti, basso sostegno sociale, aspettative elevate da parte dei datori di lavoro, bassa equità, basso controllo del lavoro e conflitto tra lavoro e impegno familiare – sono la quinta causa principale di mortalità (superiore all’Alzheimer e alle malattie renali), causando solo negli USA 120.000 morti inutili e 180 miliardi di dollari di spese sanitarie in eccesso. “La gente sta letteralmente morendo per uno stipendio”, afferma Pfeffer.

E per tutto il sacrificio richiesto ai lavoratori, non ci sono prove che le aziende abbiano più successo o profitti … Le persone ottengono risultati migliori quando non sono sotto stress costante.

I dipendenti di aziende come Amazon, General Electric, IBM, Salesforce e Uber sono citati nel libro che descrive le classifiche che li mettono contro i loro colleghi: e-mail durante le ore notturne e mattutine, le ferie e i giorni di festa dove vengono richieste disponibilità e risposte costanti, e la costante pressione a non scivolare mai in basso nelle prestazioni o a commettere un errore. I risultati citati descrivono aumento di peso, problemi di sonno, dipendenza da alcol o droghe, ansia e depressione.

E per tutto il sacrificio richiesto, non ci sono prove che le aziende abbiano più successo o profitti. Come ha dimostrato il libro di Pfeffer e molte altre ricerche, tra cui quella di Emma Seppälä sulla Cultura del Lavoro Positivo, le persone ottengono risultati migliori quando non sono sotto stress costante. “Non esiste un vero compromesso tra la progettazione di posti di lavoro per migliorare la salute delle persone e la progettazione di posti di lavoro che aumentano la motivazione e le prestazioni a beneficio dei datori di lavoro“, afferma Pfeffer. In poche parole, la maggior parte di noi funziona meglio quando siamo calmi, riposati e sani.

Perché allora i luoghi di lavoro sono rimasti fermi ad un modo così controproducente di operare? Pfeffer ritiene che le aziende abbiano paura di essere diverse dai loro concorrenti e non riescano a pensare che investire del tempo per cambiare le pratiche di gestione porterebbe a rendimenti abbastanza rapidi. Quindi, invece, usano “gingilli” che possono essere implementati rapidamente, ad esempio lezioni di meditazione e cibo gratis, ed evitano di affrontare le questioni fondamentali.

Stress da lavoro: La ‘bella vita’ in una cultura del lavoro impazzita

Parte del problema con il modo in cui lavoriamo, secondo Schulte, l’host del podcast “Better Life Lab”, è che pensiamo al lavoro come parte di un vuoto separato dal resto della vita. Molti podcast sul lavoro e/o sulla vita sono focalizzati singolarmente sul lavoro – come svegliarsi presto, come avere routine mattutine produttive, come gestire la propria e-mail – senza riconoscere il “disordine” della vita.

Molto di quello che ho sentito dire a questo proposito era costituito da podcast sulla produttività rivolti a uomini che potevano passare tutto il loro tempo a lavorare“, afferma Schulte, autore anche del libro del 2014 Overwhelmed: Work, Love & Play When No One Has the Time. L’autrice voleva creare qualcosa di diverso – qualcosa che creasse un ponte tra le “discussioni molto maschili sul lavoro e su come essere più produttivi e le discussioni molto femminili su come destreggiarsi in questa situazione“. Shulte sostiene che tenendo separate le conversazioni degli uomini e delle donne si dimentica che molti di noi vogliono cose simili.

Si tratta della ricerca della bella vita“, afferma Schulte. “È anche la ricerca di un futuro egualitario in cui uomini e donne possano fare vere scelte su come combinare lavoro e vita”. Il suo podcast ci fornisce storie di individui che hanno cercato di cambiare il modo in cui lavorano in modo da poter vivere qualcosa di più vicino a quella bella vita.

Cosa fai mentre aspetti che queste forze più grandi cambino? Questo è dove sto cercando di arrivare. ”

Questo diverso gruppo di persone raggiunge ciascuno una misura del benessere non attraverso risultati fugaci come posta-in-arrivo-zero o padroneggiando le proprie liste di cose da fare, ma riconoscendo i propri limiti e stabilendo confini che consentano loro di godersi meglio il lavoro e il resto della vita.

In un episodio sentiamo David Sbarra, professore di psicologia dell’Università dell’Arizona, che si è allenato ad essere meno frenetico, sentendo che il suo impegno robotico nel “cancellare” la sua lista di cose da fare gli faceva perdere “i momenti di gioia nella vita di tutti i giorni“. David Sbarra ritorna a un paio di valori di base come passare del tempo con sua figlia e stare fuori di più e si ritrova a vivere quei momenti di gioia.

In un altro episodio, incontriamo una donna di nome Michelle Hickox che è cresciuta nella sua carriera come contabile per diventare responsabile finanziario di una banca, prendersi le estati per stare con i suoi figli, anche se doveva difendere la sua scelta, dal momento che non faceva parte della politica di congedo dal posto di lavoro della banca. E in un altro, incontriamo membri di Workaholics’ Anonymous, un gruppo di supporto per persone che hanno riconosciuto che il loro intenso stile di lavoro è dannoso per loro.

Schulte intervista anche una varietà di esperti di scienze sociali che offrono un contesto più ampio per la nostra sopraffazione sul posto di lavoro. Il suo obiettivo è rendere le persone consapevoli delle “forze sociali” e della scienza del comportamento umano che modella il modo in cui lavoriamo. “Se tutto ciò di cui parlerai è ciò che tu come individuo puoi fare, ti stai perdendo il quadro più ampio“, afferma. Ma crede anche che le singole storie siano necessarie, quindi le persone lasciano il podcast più ispirate che depresse: “Cosa fai mentre aspetti che queste forze più grandi cambino?“, dice.

Schulte afferma di essere colpita da quante persone hanno dovuto abbandonare o cambiare completamente il loro lavoro per raggiungere una buona vita: “Dobbiamo davvero guardare alle aspettative più grandi che abbiamo – queste sono le posizioni ideali per i lavoratori“.

Stress da lavoro: Perché è difficile lasciare un posto di lavoro dannoso per la salute?

Mentre alcune persone lasciano con successo ambienti di lavoro dannosi per la salute, molti lo trovano particolarmente difficile, secondo Pfeffer. Le persone tendono a razionalizzare la situazione in cui si trovano per superarla più facilmente (“non è poi così male, è solo per un po’ “), temono di ammettere la propria debolezza andandosene e vengono influenzate dalle persone intorno a loro che sembrano aver accettato la situazione. Pfeffer ritiene che i dipendenti debbano valutare un potenziale luogo di lavoro tanto dalle sue pratiche di gestione quanto dallo stipendio, dal prestigio e dall’interesse del lavoro. “Fino a quando le persone non si assumono la responsabilità di trovare luoghi in cui possono essere felici, non possiamo nemmeno aspettarci che i datori di lavoro abbiano a cuore la salute dei dipendenti“, scrive.

“Quando lavoriamo in quel modo ‘ideale’ senza fiato e colti dal panico, non arriviamo a quel lavoro più profondo che lo renderebbe più significativo per noi e contribuirebbe a far prosperare le nostre attività e la società.in generale”

Ma Pfeffer ritiene che il cambiamento sociale e culturale sia indispensabile per modificare la cultura del lavoro: “Sono le decisioni di gestione che creano ambienti di lavoro dannosi per la salute, e sono le decisioni di gestione che potrebbero, e in pochi casi lo fanno, risolvere il problema“.

Anche se il superlavoro non è efficace, viene premiato. Le persone che lavorano più di 50 ore settimanali guadagnano dal 6 all’8% in più all’ora rispetto a quelle che non lo fanno, secondo Youngjoo Cha, professore associato di sociologia all’Università dell’Indiana che Schulte intervista. (Ciò ha persino esacerbato il divario salariale di genere, poiché gli uomini sono in genere in un posto migliore per lavorare per più ore rispetto alle donne, hanno scoperto i ricercatori).

A volte scegli la produttività più rapida che ritieni possa rendere tutti felici“, afferma Schulte, ma “non ti dà come risultato ciò di cui saresti veramente capace. Quando lavoriamo in quel modo ‘ideale’ senza fiato e colti dal panico, non arriviamo a quel lavoro più profondo che lo renderebbe più significativo per noi e contribuirebbe a far prosperare le nostre attività e la società in generale “.

Stress da lavoro: La riprogettazione dei nostri luoghi di lavoro

La società ha bisogno di creare regole per aiutarci a riequilibrare noi stessi e il nostro tempo “in modo da non … essere tentati di assumere comportamenti negativi“, afferma il professore di psicologia ed economia comportamentale della Duke University Dan Ariely in un’intervista su “Better Life Lab”. Possiamo guardare all’antico rituale del Shabbat come esempio. Ariely ha scoperto che quando gli ebrei osservano lo Shabbat, si disimpegnano più efficacemente dalle distrazioni come la posta elettronica perché sanno che è semplicemente fuori questione usare l’elettronica in quel periodo.

Il management potrebbe creare regole per migliorare l’ambiente di lavoro come la costruzione di un maggiore supporto sociale ed autonomia nel lavoro, che sono fondamentali per un ambiente di lavoro sano secondo Pfeffer. L’autonomia nel lavoro, infatti, spesso si colloca al di sopra della retribuzione come predittore della soddisfazione professionale. Invece di aspettarsi risposte immediate a e-mail o messaggi, i manager potrebbero mettere in atto sistemi e politiche più asincroni. Liberati dalle aspettative di risposte in tempo reale, i dipendenti sarebbero in grado di scegliere quando connettersi per recuperare il ritardo sui messaggi e quando disconnettere l’attenzione dal lavoro significativo o ricaricarsi alla fine della giornata.

Pfeffer ritiene che questi cambiamenti porteranno un’azienda a migliorare le prestazioni, ma pensa anche che la gestione aziendale non debba essere guidata solo dal denaro. Le società civili, sottolinea, nel corso della storia hanno fissato “limiti morali” su ciò che è permesso in nome del profitto, vietando la schiavitù e il lavoro minorile. Il costo delle vite umane di fronte a cattive pratiche di gestione, sostiene, dovrebbe essere un limite morale simile. Negli ultimi decenni, le aziende hanno iniziato a valorizzare la sostenibilità ambientale, devono ugualmente valorizzare la sostenibilità umana. “Dovremmo preoccuparci tanto delle persone quanto degli orsi polari“, afferma Pfeffer.

Per coloro che vogliono capire come possiamo iniziare a preoccuparci di più di noi stessi, al lavoro e nel resto della vita, Dying for a Paycheck  e “Better Life Lab” sono un buon punto di partenza.

E. P.

CHIUDI

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.
Informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi