Quel pasticciaccio del Museo del Cinema

Ci vorrà molto tempo, non meno di tre-quattro mesi, perché il Museo del cinema di Torino torni alla normalità e alla piena operatività.

TERRITORIO /
Torino Museo Nazionale del Cinema
Torino Museo Nazionale del Cinema by Carmelo Speltino @Wikimedia Commons
Scritto da / 9 Gennaio 2017

Dal primo gennaio 2017 la Mole è senza direttore: fallito il bando lanciato nel giugno scorso, l’ornai ex-direttote Alberto Barbera non è più disponibile per nuove proroghe e incarichi. Nel 2016 sono stati quasi 700 mila i visitatori al Museo del Cinema.

A meno che il vertice con il presidente, l’imprenditore Paolo Damilano, e gli altri 4 componenti del Comitato di gestione, e dietro la politica, non si dia una sferzata assumendosi, finalmente, le proprie responsabilità e nomini subito un direttore, senza bando e senza tante cerimonie, visto il fallimento di quello che avrebbe dovuto portare una nuova figura guida.

Dal primo gennaio, infatti, la Mole è senza direttore. Il Museo, a parte aprire le porte tutti i giorni ai visitatori – nonostante tutto, un successo con 690 mila presenze nel 2016, più 8 per cento sull’anno precedente -, non è in grado di decidere e di progettare alcunché. Grandi mostre, retrospettive, inviti a personalità del cinema, iniziative speciali, acquisizioni, nuovi allestimenti, la cura amministrativa e organizzativa dei festival, che ricadono sotto la sua “giurisdizione”: tutto fermo, come paralizzato; non c’è il direttore, nessuno ha il compito di proporre, organizzare, promuovere, decidere.

Una situazione drammatica, nel suo genere, certamente per il Museo e in generale per la cultura, ma anche per quel che significa la Mole per l’immagine dell città.

La rinuncia del direttore uscente Alberto Barbera a restare in proroga per tutto il 2017, dopo essere stato prorogato per 3 volte per tutto l’anno appena trascorso, certamente pesa. Ma è ancora più grave i fatto che il vertice del Museo, e la politica che nel bene e nel male lo guida, in un intero anno non abbia saputo sostituirlo. Le competenze di Barbera e le sue capacità organizzative certo sono fuori discussione. Così come l’ottimo lavoro svolto in quasi 15 anni da direttore. Eppure il Museo può attrezzarsi per fare a meno di lui. E forse dovrà farne a meno. Forse, perché tra le opzioni aperte c’è anche quella di richiamarlo come consulente artistico-scientifico accanto a un altro direttore, che però sarebbe soltanto responsabile amministrativo.

Come, del resto, la figura che è stata cercata attraverso il bando, ormai famigerato sia perché è fallito, sia perché molto pasticciato, lanciato a fine giugno scorso: i suoi compiti sarebbero stati solo di carattere gestionale. Una limitazione, va ricordato, che aveva tenuto lontani dal concorrere diversi specialisti di riconosciuto valore. La parte scientifica sarebbe stata affidata a un consulente, e molti nei mesi scorsi avevano pensato proprio a Barbera. Il quale peraltro è anche direttore del festival di Venezia, e c’è chi in questo doppio incarico vede una forma di interessi in contrasto, considerate le non poche analogie nelle missioni del Museo e della manifestazione veneziana.

Ad ogni buon conto, sono passati 6 mesi infruttuosi, e intanto a Torino è cambiato il colore dell’amministrazione… Dal bando, con 80 concorrenti, un paio di nomi per la nomina a direttore erano venuti fuori. Ma è entrata in campo la politica con veti incrociati: uno era gradito alla Regione, ma non al Comune; un altro al Comune ma non alla Regione. E il blocco aveva suggerito ai due enti la richiesta a Barbera di rimanere un altro anno. E intanto si sarebbe cercato un altro direttore. La sua iniziale disponibilità è però caduta, forse a fronte di un gradimento che, per quanto esplicito, tuttavia non sarebbe stato pieno, unanime e senza condizioni..Del resto, non è un mistero, e neanche di data recente, la posizione fortemente critica nei suoi confronti dei nuovi inquilini di Palazzo di Città. E c’è anche da ricordare la regola non scritta, finora rispettata, secondo la quale il presidente del Museo viene nominato su indirizzo della Regione, mentre il direttore è a cura del Comune.

Insomma, non è fuori luogo definire la vicenda del Museo del cinema come un gran pasticcio. Ora si pensa a un nuovo bando, ma il “rito” richiede mesi, mentre la scadenza del Comitato di gestione, compreso il presidente, si avvicina: a maggio. E la Mole, con la città, attende.

(Nino Battaglia)

CHIUDI

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.
Informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi