Il cuore romanico del Santuario della Consolata di Torino

È stato svelato dopo 240 giorni di cantiere.

CULTURA PRIMO PIANO /
Il cuore romanico del Santuario della Consolata di Torino
Geobia [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], from Wikimedia Commons
Scritto da / 7 Febbraio 2019

Sono tornati alla luce  gli affreschi delle prime campate  della storica Chiesa di sant’Andrea costruita nell’ XI secolo e sui cui venne eretto ne 1675 l’attuale tempio , su progetto dell’architetto Guarino Guarini. I lavori sono stati possibili grazie al sostegno della Fondazione CRT e a una raccolta di fondi che ha visto 278 sottoscrittori. La Fondazione CRT, secondo un innovativo metodo di interveto,  ha raddoppiato la cifra raccolta  con la sottoscrizione: in totale sono stati spesi oltre 134 mila euro.

Ma che cosa si vede ora nella  vecchia Cappella del convitto situata al primo piano del santuario?

Sulla parete Sud è apparsa una grande figura dalla veste colorata , nell’atto di protendere la mano verso l’alto e reggere on l’altra un cartigli: le parole scritte ci dicono che potrebbe essere il patriarca Abramo.

Sulla parete Nord sono comparse due grandi figure inquadrate da elementi architettonici  che recano in mano dei cartigli.

Alla sommità delle pareti , nelle fasce decorate, si riconoscono due volti : uno è un volto maschile, il cui copricapo ci indica che è un monaco, probabilmente San Benedetto come suggeriscono anche alcune lettere  rinvenute ai lati. I primi monaci della chiesa di Sant Andrea erano benedettini, in fuga da Novalesa sotto l’incalzare delle scorrerie dei saraceni che imperversavano sui due lati delle Alpi.. L’altro volto è femminile , con il capo velato.

Non si è solo lavorato sui reperti romanici. Nel catino absidale di probabile costruzione secentesca, è stata riportata alla luce  una decorazione floreale a grandi ghirlande e motivi vegetali, nascoste dalle più recenti pitture decorative.

Questo importante svelamento è il frutto di un percorso avviato nel 2009  dal santuario in collaborazione con le Soprintendenze del Piemonte, che ha portato alla luce  significativi elementi della decorazione  e dell’architettura  della prima chiesa di Sant’Andrea, una grande costruzione che fu poi inglobata nel nuovo Santuario voluto dai Savoia.

Il Presidente di fondazione CRT Giovanni Quaglia ha detto che la Fondazione ha un rapporto speciale con il Santuario cella Consolata,la chiesa forse più significativa della religiosità torinese.  Ha anche annunciato la presentazione d un nuovo progetto dal titolo “Santuari e comunità: storie che si incontrano”. Saranno coinvolte tutte le diocesi del Piemonte e della Valle d’Aosta e si porrà attenzione anche all’accoglienza . “I Santuari“, ha detto Quaglia, “sono visti da sempre  come luoghi di religiosità, ma anche dove vanno le persone in  difficoltà  morali, spirituali e materiali per trovare conforto”.

P. G.

CHIUDI

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.
Informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi