“Paolo Pellegrin. Frontiers”

Al valdostano Forte di Bard, il dramma dei migranti nelle toccanti fotografie di Paolo Pellegrin. Fino al 26 novembre.

 

ARTE /
Paolo Pellegrin "Frontiers": il dramma dei migranti per immagini
Credits: Paolo Pellegrin/Magnum Photos
Scritto da / 15 maggio 2017

Accoglierli, proteggerli, promuoverne l’integrazione: rimbalzano tristemente a vuoto le parole pronunciate da Papa Francesco al recente Forum Internazionale su “Migrazione e pace”, di fronte agli scatti in bianco e nero di Paolo Pellegrin, raccolti al Forte di Bard.

Anteprima mondiale per la mostra “Frontieres”, ospitata al Forte di Bard in collaborazione con l’Agenzia Magnum Photos di Parigi, in cui il fotografo romano (classe ’64, oggi residente a Londra) racconta  il dramma dei viaggi della speranza di miglia e migliaia di migranti in fuga alla ricerca di un futuro migliore e di una vita – parola grossa su quei barconi maledetti dondolanti nelle acque  di un mare che spesso per loro scrive solo pagine di morte – che sia possibile vivere in modo minimamente dignitoso. Quanto lontane e, dai più, inascoltate ci accorgiamo essere allora le parole del Pontefice, allorché si va a cozzare (e l’impatto è davvero violento) in quei corpi sfiniti e ammassati gli uni sugli altri –così intensamente fermati nelle immagini di Pellegrin – in quelle braccia e in quelle mani protese alle corde di salvataggio o in quegli occhi senza vita che guardano il nulla alla ricerca di volti, storie e paesaggi perduti per sempre! L’orrore delle traversate del Mediterraneo in balia delle onde e trafficanti di essere umani senza scrupoli, l’esperienza degli sbarchi dopo le operazioni  di salvataggio di “Medici senza Frontiere” e la problematica permanenza nei Centri di accoglienza: su questi tre aspetti si sofferma il reportage esclusivo di Paolo Pellegrin realizzato nel 2015 e prodotto site specific per le sale espositive dell’“Opera Ferdinando”, il nuovo “Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere” inaugurato lo scorso 30 aprile al primo livello della rocca fortificata di Bard. Fra i più importanti fotoreporter a livello mondiale, Pellegrin (che oltre ad essere membro di Magnum Photos, lavora con le più affermate testate internazionali e può vantare, in un palmarés d’eccezione, ben dieci “World Press Photo” oltreché la Medaglia d’oro “Robert Capa”) documenta nei suoi scatti i fatti di cui è testimone con acuto taglio giornalistico, ma soprattutto vuole interpretare la tragicità del fenomeno migratorio – che non si arresterà, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, prima del 2050 – attraverso la sua esperienza di essere umano. “Quella che mi interessa di più – ricorda – è una fotografia non finita, dove chi guarda ha la possibilità di cominciare  un proprio dialogo…Io presento la domanda che mi sono fatto davanti ai morti, alle guerre, alla sofferenza, poi lascio spazio ad ognuno perché si interroghi, perché si faccia un’idea”. E questa ha da essere la giusta chiave di lettura della mostra al Forte, dove la maggior parte delle foto esposte racconta la situazione sull’isola greca di Lesbo, in cui, secondo i dati dell’ “Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati” (UNHCR), sono sbarcati più di 500mila degli 850mila migranti arrivati in Grecia nel corso del 2015. Senza possibilità di ritorno per molti. E con prospettive future assolutamente incerte. Emblematico, in questo caso, lo scatto dedicato al giovane Walid, 24enne fuggito da Raqqa in Siria, ritratto a Kos, con i pugni stretti ai fianchi ed incappucciato per non essere riconosciuto, evitando così ripercussioni sulla sua famiglia, rimasta a casa. Metterci di fronte a Walid e alla sua storia dovrebbe indurci a riflettere, e non solo (quando va bene) ad elargire facili pietismi, sul senso di “responsabilità” cui ognuno di noi è chiamato a rispondere al cospetto del dolore e del bisogno altrui. “Incontrare l’altro – scrive giustamente Enzo Bianchi – non significa farsi un’immagine della sua situazione, ma assumersi una responsabilità senza attendersi reciprocità, fino all’ardua ma arricchente sfida di una relazione asimmetrica, disinteressata e gratuita. Solo così la vicenda dell’incontro con lo straniero si fa occasione di umanità per tutti”. E su questa linea, la mostra di Pellegrin potrebbe indurci non solo a considerazioni puramente tecnico-estetiche sulle opere esposte, ma anche all’assunzione di concetti mentali e decisioni esistenziali assolutamente imprevedibili. Forse impensabili.

(Gianni Milani)

“Paolo Pellegrin. Frontieres”
Forte di Bard (Aosta); tel. 0125/833811
Fino al 26 novembre
Orari: da mart. a ven. 11-18; sab. dom. e festivi 11-19; lun. chiuso

Per saperne di più: www.fortedibard.it

Salva

CHIUDI