Le APP: cosa c’è da sapere

Se disponete di uno smartphone o di un altro dispositivo mobile, quasi sicuramente utilizzate delle applicazioni.

TECNOLOGIA /
Le APP: cosa c'è da sapere
binary - @pixabay by geralt - CC0 Public Domain
Scritto da / 14 luglio 2017

Facili da scaricare e spesso gratuite, le applicazioni per dispositivi mobili possono essere così divertenti e convenienti da scaricarle senza tenere conto di alcune considerazioni chiave: da dove traggono sostentamento, quali informazioni possono raccogliere dal dispositivo su cui sono installate, chi ottiene tali informazioni e cosa ne fa.

Che cosa devo fare per scaricare e utilizzare un’applicazione?
Hai bisogno di uno smartphone o di un altro dispositivo mobile con accesso a Internet (tablet, laptop, ecc.). Non tutte le applicazioni funzionano su tutti i dispositivi mobili. Una volta acquistato un dispositivo, si è obbligati all’utilizzo del suo sistema operativo e del tipo di applicazioni che possono funzionare su di esso. I sistemi operativi mobili Android, Apple, Microsoft, Amazon e BlackBerry hanno negozi di applicazioni online in cui è possibile cercare, scaricare e installare applicazioni. Alcuni rivenditori online offrono anche pu7nti di vendita e distribuzione di applicazioni. Dovrai utilizzare un app store che funziona con il sistema operativo del tuo dispositivo. Per impostare un account, potrebbe essere necessario fornire un numero di carta di credito, in particolare se si desidera scaricare un’applicazione che non sia gratuita.

Perché alcune applicazioni sono libere?
Alcune applicazioni vengono distribuite gratuitamente tramite app store e gli sviluppatori ricavano utili in modi diversi. Alcuni vendono spazio pubblicitario all’interno dell’app. Gli sviluppatori di app possono guadagnare denaro dagli annunci in modo da distribuire gratuitamente l’applicazione per raggiungere il maggior numero di utenti possibile.
Alcune app offrono gratuitamente le loro versioni di base. I loro sviluppatori sperano che l’applicazione piacerà abbastanza da spingere ciascun utilizzatore ad aggiornare ad una versione a pagamento con più funzionalità.
Alcune applicazioni consentono di acquistare altre funzionalità all’interno dell’applicazione stessa. Di solito, ti vengono fatturati questi acquisti in-app tramite l’app store. Molti dispositivi dispongono per questo di impostazioni che consentono di bloccare gli acquisti in-app.
Alcune applicazioni sono offerte gratuitamente per interessarti ad altri prodotti o servizi dell’azienda che le propone. Queste applicazioni sono una forma di pubblicità.

A quali tipi di dati possono accedere le applicazioni?
Quando ti iscrivi a un app store o scarichi le singole applicazioni, ti verrà chiesto il permesso di consentire loro di accedere alle informazioni sul tuo dispositivo. Alcune applicazioni potrebbero essere in grado di accedere a:

  • I tuoi contatti telefonici  e di posta elettronica
  • Registro chiamate
  • Dati Internet
  • Dati del calendario
  • Dati sulla posizione del dispositivo
  • ID univoco del dispositivo
  • Informazioni su come e quando utilizzi l’applicazione stessa

Alcune applicazioni hanno accesso solo ai dati necessari per funzionare; Altre accedono a dati non correlati allo scopo dell’app.
Ricorda che qualcuno può raccogliere dati sui siti web che visiti, le applicazioni che utilizzi e le informazioni fornite quando utilizzi il dispositivo, sia che sia lo sviluppatore di app, un app store, un inserzionista o una rete pubblicitaria. E se stanno raccogliendo i tuoi dati, possono condividerli con altre aziende. Se ti interessa controllare come vengono condivise le informazioni che ti riguardano, controlla le impostazioni “privacy” del tuo dispositivo o cera i modi per effettuare un “opt-out” dalla raccolta dati nelle impostazioni di privacy di ciascuna app installata.

Come posso sapere a quali informazioni una applicazione accederà o condividerà?
Non è sempre facile sapere a quali dati accederà una specifica app o come verranno utilizzati i dati a cui accede. Prima di scaricare un’applicazione, considera che cosa sai su chi l’ha creata e cosa fa. Gli AppStore possono fornire informazioni sulla società che ha sviluppato una applicazione, se lo sviluppatore le fornisce. Se lo sviluppatore non fornisce informazioni di contatto, come un sito web o un indirizzo di posta elettronica, l’applicazione potrebbe essere poco affidabile.
Se stai utilizzando un sistema operativo Android, avrai l’opportunità di leggere le “autorizzazioni” subitop prima di installare un’applicazione. Leggile. Sono informazioni utili che ti descrivono a quali dati l’app accederà sul tuo dispositivo. Chiediti se le autorizzazioni abbiano senso per lo scopo dell’applicazione; Per esempio, non c’è motivo per un’applicazione e-book di poter leggere i tuoi messaggi di testo.

Perché alcune applicazioni raccolgono dati sulla posizione?
Alcune applicazioni utilizzano dati specifici sulla localizzazione per fornire mappe, buoni per negozi vicini o informazioni su chi potresti conoscere nelle vicinanze. Alcune forniscono i dati di posizione a reti pubblicitarie, che possono combinarli con altre informazioni nei loro database per targetizzare annunci pubblicitari in base ai tuoi interessi e alla tua posizione.
Una volta che un’app ha il tuo permesso di accedere ai tuoi dati di posizione, può farlo fino a quando non modifichi le impostazioni del telefono. Se non desideri condividere la tua posizione con le reti pubblicitarie, puoi disattivare i servizi di localizzazione nelle impostazioni del telefono. Ma se lo fai, le applicazioni non saranno in grado di fornire informazioni sulla tua posizione, a meno che tu non le inserisca volutamente.
Il telefono utilizza comunque dati generali sulla propria posizione in modo che il gestore telefonico possa effettivamente indirizzare le chiamate. Anche se disattivi i servizi di localizzazione nelle impostazioni del telefono, potrebbe non essere possibile interrompere completamente la trasmissione dei dati relativi alla tua posizione.

Perché l’applicazione che ho scaricato contiene annunci al suo interno?
Gli sviluppatori vogliono fornire le loro applicazioni nel modo più economico possibile, in modo che molti utenti le utilizzino. Se vendono spazi pubblicitari nell’app, possono offrire l’applicazione ad un costo inferiore a quello che sarebbe stato necessario se l’app non disponeva di annunci. Alcuni sviluppatori vendono spazi nelle proprie applicazioni a reti pubblicitarie che, a loro volta, vendono gli spazi agli inserzionisti.

Perché vedo gli annunci che vedo?
Gli inserzionisti credono che tu abbia maggiori probabilità di fare clic su un annuncio mirato ai tuoi interessi specifici. Alcune reti pubblicitarie elaborano le informazioni raccolte dalle app, inclusi i dati relativi alla tua posizione, e possono combinarli con informazioni sulle tue abitudini di navigazione in Internet o con le informazioni fornite quando ti registri per un servizio o acquisti qualcosa online.

È necesario aggiornare le applicazioni per essere sempre sicuri?
Il tuo telefono può indicare quando sono disponibili aggiornamenti per le tue applicazioni. È consigliabile aggiornare le applicazioni installate sul dispositivo ed il sistema operativo del dispositivo quando sono disponibili nuove versioni. Gli aggiornamenti spesso dispongono di patch di protezione che proteggono le informazioni e il dispositivo dal malware più recente.

Un’app potrebbe infettare il mio telefono con malware?
Alcuni hacker hanno creato app che possono infettare telefoni e dispositivi mobili con malware. Se il tuo telefono invia messaggi di posta elettronica o di testo che non hai scritto o installa applicazioni che non hai scaricato, questi sono segni di una possibile infezione di malware. Se ritieni di avere un malware sul dispositivo, puoi contattare il supporto clienti dell’azienda produttrice del tuo dispositivo o puoi contattare il tuo operatore di telefonia mobile per avere aiuto.

È possibile fidarsi delle recensioni degli utenti su un’app?
La maggior parte degli AppStore presenta recensioni degli utenti che possono aiutare a decidere se scaricare e utilizzare un’app. Ovviamente, alcuni sviluppatori di app e i loro marketers si presentano come consumatori per pubblicare commenti positivi sui propri prodotti. La Federal Trade Commission ha recentemente citato in giudizio una società per aver postato commenti falsi sulle app che è stata pagata per promuovere.

Cosa devo sapere prima di scaricare un’applicazione per i miei bambini?
In una recente indagine sulle applicazioni mobili per i bambini, il personale della Federal Trade Commission USA ha scoperto che le applicazioni per i bambini potrebbero:

  • Raccogliere e condividere informazioni personali
  • Consentire ai tuoi bambini di spendere soldi veri – anche se l’applicazione è gratuita
  • Includere annunci pubblicitari
  • Collegarsi ai social media

Inoltre, le applicazioni potrebbero non fornire informazioni sul fatto che lo stanno facendo.
Per saperne di più su un’applicazione prima di scaricarla, guarda gli screenshot, leggi la descrizione, il contenuto e le recensioni degli utenti e fai una ricerca sullo sviluppatore. È anche possibile cercare recensioni esterne da fonti di cui ti fidi.

Ci sono modi per limitare il modo in cui i miei bambini utilizzano le applicazioni?
Prima di passare il telefono o il tablet ai tuoi bambini, dai un’occhiata alle impostazioni. Potresti essere in grado di limitare il contenuto a ciò che è giusto per l’età del tuo bambino, impostare una password in modo che le applicazioni non possano essere scaricate senza di essa e impostare una password in modo che i tuoi figli non possano acquistare nulla senza di essa. È anche possibile disattivare servizi Wi-Fi e dati o mettere il telefono in modalità aereo in modo che non possa connettersi a Internet.
Il modo migliore per tenere il passo con le applicazioni per i bambini è provarle prima tu e parlare con i tuoi figli circa le regole per utilizzare le applicazioni.

(E P.)

… to be continued

Salva

CHIUDI