Enea e gli Etruschi nella casa delle essenze

Al Mùses di Savigliano una bella mostra fra profumi ed erbe aromatiche.

ARTE TERRITORIO /
Enea e gli Etruschi
Foto tratta dal sito: www.musesaccademia.it
Scritto da / 15 giugno 2017

E’ un abbraccio ideale fra storia e leggenda l’evento che l’Associazione terre dei Savoia ha organizzato nel seicentesco palazzo Taffini d’Acceglio a Savigliano: fino al 17 gennaio la mostra è visitabile nella sala degli Dei la mostra “Enea  e gli Etruschi”. 

L’esposizione fonde insieme mito, storia, arte e tradizione: conta infatti rari reperti prestati dai più prestigiosi musei etruschi italiani, come la spada di Enea, la cava bronzea di Ercole, l’Eros dormiente attribuito a Michelangelo. “Attraverso i temi individuati”, spiega la  curatrice Loredana De Robertis, “si ripercorrono alcune tappe importanti della vita del palazzo e dei suoi protagonisti”.

Si parte dagli affreschi “svelati”, ovvero i rilievi fotografici di otto dipinti originari del fregio della sala, coperti dalle controsoffittature del Settecento, che hanno al centro il mito di Enea, celebrato da Virgilio, la leggenda del popolo etrusco e l’antica storia della fondazione di Roma, in un racconto epico di virtù nel quale i Duchi di Savoia e la famiglia Taffini trovano identificazione e celebrazione.

Eros dormiente, capolavoro attribuito a Michelangelo

Eros dormiente, capolavoro attribuito a Michelangelo

Sempre nella Sala degli Dei, ove regnano gli affreschi dedicati ai miti dei fiori e delle piante, simbolo di rinascita e bellezza,   si rende omaggio a due donne che nella storia hanno interpretato l’epoca dei  profumi, dei giardini, delle essenze: Caterina De’ Medici e Maria Cristina di  Francia, detta “Madama Reale”, sposa di Vittorio Amedeo I duca di Savoia, poi vedova e reggente del ducato, che frequentò assiduamente questa dimora della famiglia Taffini. A chiudere il percorso “l’olfattorio del dr. Taffi” : ventiquattro vasi  che sono vere e proprie opere d’arte dei maestri vetrai veneziani. In occasione della mostra al Muses è stata creata una collezione esclusiva che svela le note base utilizzate dai profumieri di tutto il mondo. “Un nuovo importante tassello della progettualità culturale delle Terre dei Savoia”, commenta Antonio Miglio presidente dell’Associazione .

La mostra a palazzo Taffini rafforza il recupero della storica dimora già avviato con la realizzazione al suo interno del Mùses, l’Accademia Europea delle Essenze. Sia la mostra sia il palazzo con l’interessate percorso sensoriale fra essenze e profumi sono visitabili dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

“Enea e gli Etruschi”, palazzo Taffini, via Sant’Andrea 3, Savigliano ( CN) fino al 17 gennaio

(P. G.)

Per saperne di più: www.musesaccademia.it

Salva

Salva

CHIUDI