Bitcoin: quali previsioni per il futuro delle criptovalute?

Il Bitcoin e le criptovalute sono ancora in gran parte una tecnologia marginale. Un gruppo di esperti di crittografia su The Indipendent spiega, come questo potrebbe cambiare.

TECNOLOGIA /
bitcoin criptovalute
Photo by Christine Roy on Unsplash
Scritto da / 28 Novembre 2018

Il 31 ottobre 2008, nel mezzo di una delle peggiori crisi finanziarie che il mondo avesse mai visto, una persona – o gruppo – con il nome di Satoshi Nakamoto pubblicò un documento che pretendeva di offrire un’alternativa al sistema bancario tradizionale.  Il documento, intitolato “Bitcoin: un sistema elettronico di pagamento Peer-toPeer, è stato pubblicato in una oscura mailing list che poteva vantare come lettori una manciata di cosiddetti “cypherpunks”: persone che credevano che la crittografia e l’informatica potessero fornire un percorso significativo, utile per il sociale e per il cambiamento politico.
Poco più di due mesi dopo, il 3 gennaio 2009, è stata ufficialmente lanciata la prima criptovaluta in assoluto sotto forma di rete Bitcoin. La prima transazione Bitcoin è stata inviata a Hal Finney, un ingegnere Caltech ed uno dei primo appartenenti al movimento Cypherpunk, che è stato anche il creatore del primo sistema Proof-of-Work. Hal ha scaricato il software bitcoin il giorno del suo lancio e successivamente ha ricevuto la prima transazione bitcoin di 10BTC da Satoshi Nakamoto il 12 gennaio 2009. Molti hanno soospettato che Hal potesse essere lo stesso Satoshi Nakamoto, ma il programmatore, fino alla sua morte nel 2014, ha sempre negato le accuse ed ha sempre affermato di essere semplicemente uno dei primi ad adottare e sostenere i Bitcoin. La prima transazione BTC in assoluto ha dimostrato che il trasferimento peer-to-peer di un pagamento con valuta digitale era possibile.

Con l’avanzare dell’adozione del Bitcoin e della tecnologia blockchain (il sistema condiviso che sta alla base della validazione delle cripto valute) negli scambi tra privati ed aziende, molti sostenitori credono ancora nei principi fondamentali che hanno portato allo sviluppo del Bitcoin: consentire un sistema di pagamento peer-2-peer semplice, veloce ed economico e senza terze parti. Altri, nello spirito dei primi Cypherpunks e degli anarchici digitali, sperano che la tecnologia blockchain possa decentralizzare l’economia, sconvolgere la governance centrale e i sistemi bancari e garantire il diritto alla privacy dell’individuo.
Entro pochi anni la rete Bircoin avrebbe raggiunto il valore di 10 miliardi di dollari USA ed oggigiorno (2018) supererebbe i 300 miliardi di dollari USA – superando la capitalizzazione di mercato del gigante dei pagamenti Visa.
Il 17 marzo 2010, Bitcoin è stata listata al primo scambio Bitcoin, BitcoinMarket.com (il sito è ora inattivo), alla quotazione di 1309:1 verso il dollaro USA. A luglio dello stesso anno, il famigerato sistema di scambio MtGox lanciava i propri servizi. MtGox nei successivi due anni sarebbe diventato il più grande sistema di scambio Bitcoin al mondo, gestendo il 70% del volume degli scambi mondiali di BTC. All’inizio del 2014 MtGot ha ammesso di aver perso circa 900.000 Bitcoin a causa di hack e ha presentato istanza di fallimento. I prezzi di Bitcoin, che intorno a novembre 2013 erano aumentati da 200 a 1000 USD, probabilmente a causa dell’attività sospetta dei bot MtGox, sono improvvisamente calati ai livelli di 250 USD, segnando l’inizio della prima seria correzione del mercato per Bitcoin che è durata fino alla fine del 2015 .
Intorno al 2014 e al 2015, le società di venture capital hanno iniziato a investire massicciamente in attività blockchain, con circa 90 milioni di dollari USA di investimenti nel 2015 e 150 milioni l’anno successivo.

Nonostante l’indubbio successo, il Bitcoin e le migliaia di criptovalute che sono apparse da allora sono ancora in gran parte una tecnologia marginale, incapaci di entrare veramente nel mainstream. Nel decimo anniversario del Bitcoin, un gruppo di esperti di crittografia spiega su The Independent, il noto quotidiano britannico online, perché questo è accaduto e suggerisce come tutto questo potrebbe essere sul punto di cambiare.
Mentre il Bitcoin è decollato ed è visto come il leader del mercato delle criptovalute, è stato adottato da pochi e non da molti“, ha detto Chakib Bouda, chief technology officer presso la società di pagamenti americana Rambus. “La confusione tra gli utenti ha avuto un ruolo, ma probabilmente i maggiori fallimenti per bitcoin e altre criptovalute negli ultimi anni sono legati alla sicurezza: nei primi sei mesi del 2018 oltre 761 milioni di Bitcoin sono stati rubati, e vi sono esperti che hanno predetto che la quantità dei furti supererà 1,5 miliardi di dollari USA entro la fine dell’anno “. La chiave per superare questi problemi, suggeriva Bouda, è mantenere sia sicure che facili da usare le chiavi private necessarie per accedere e utilizzare i fondi di criptovaluta. Un modo per farlo sarebbe adottare la tecnologia utilizzata nel settore finanziario tradizionale, per portare le criptovalute ai livelli di sicurezza e usabilità che le persone si aspettano da una valuta moderna. “Una volta che questo ecosistema sicuro sarà in funzione, farà cambiare idea a chi è ancora scettico sulle transazioni Bitcoin“, ha detto Bouda. “Così, mentre le criptovalute come il Bitcoin sono state descritte come il” selvaggio West “dal Tesoro del Regno Unito, è possibile che tra 10 anni, il Bitcoin diventi mainstream e guadagni una reputazione notevolmente diversa“.
Se Bitcoin sarà in grado di trasformare la sua reputazione in questo modo, potrebbe trovare la sua strada nelle tasche di tutti attraverso i portafogli mobili – raggiungendo l’adozione mainstream in tempo per il prossimo compleanno.

È una visione condivisa da Iqbal Gandham, l’amministratore delegato in UK della piattaforma di trading online eToro. “Il prossimo decennio potrebbe vedere il Bitcoin accettato come norma quando si tratta di trasferimenti di denaro e pagamenti“, ha detto. “Come per qualsiasi idea innovativa, i primi tempi sono sempre rischiosi, ma sento che ora i tempi sono decisamente maturi.
In alternativa, se un’altra criptovaluta fosse in grado di diventare un metodo di pagamento sicuro e conveniente prima che gli sviluppatori di Bitcoin implementino la tecnologia necessaria, il posto di Bitcoin come criptovaluta più popolare al mondo potrebbe essere usurpato. Questa è la visione di Nigel Green, fondatore e CEO del deVere Group, una società di consulenza finanziaria con sede a Londra. Nigel Green ha predetto che l’influenza del Bitcoin si “ridurrà drasticamente” nel settore delle criptovalute, mentre il mercato criptato complessivo si espanderà “almeno” del 5.000 per cento. “Bitcoin è ciò che ha dato il via alla rivoluzione cripto ed ha cambiato il modo in cui il mondo gestisce i soldi, fa transazioni, fa affari e gestisce beni, tra le altre cose, per sempre. Tutto è iniziato con Bitcoin“, ha affermato Green. “Tuttavia, ritengo che l’influenza e il dominio del Bitcoin sul settore delle criptovalute diminuirà drasticamente nella seconda decade. Questo perché con l’aumento dell’adozione di massa di criptovalute cresceranno sempre più risorse digitali da parte di organizzazioni sia nel settore privato che in quello pubblico. Ciò aumenterà la concorrenza per Bitcoin e ridurrà la sua quota di mercato. Inoltre, è probabile che il Bitcoin sarà colpito dalla tecnologia superiore, dalle caratteristiche e dalle soluzioni dei problemi offerte dalle criptovalute esistenti e ancora in fase di lancio. Le istituzioni finanziarie e le autorità di regolamentazione, tra l’altro, comprendono che le criptovalute sono il futuro del denaro.”

Se le previsioni dell’amministratore delegato deVere sono corrette, la spinta dei principali investitori istituzionali e al dettaglio vedrà il mercato delle criptovalute correre verso i 20 trilioni di dollari entro il 2028.
Nel frattempo, molti concorrenti di Bitcoin stanno puntando su una sfilza di prodotti istituzionali che spingono verso prezzi più alti.
Un fondo quotato in borsa Bitcoin tanto atteso, proposto dalle società Bitcoin VanEck e SolidX, è ancora sotto analisi da parte della Commissione per gli strumenti finanziari e gli scambi negli Stati Uniti.
Bakkt, una piattaforma per il trading, la memorizzazione e la spesa di risorse digitali, è stata creata all’inizio dell’anno dal proprietario della Borsa di New York, Intercontinental Exchange, e dovrebbe iniziare a offrire i Bitcoin futures a dicembre.

E. P.

CHIUDI